KB3 1000 (1983-1986)

KB3 1000

Progetto: Massimo Tamburini.
Presentazione: Salone di Colonia 1982.
Prezzo: 17.580.000 lire.

Motore: il propulsore è quello della Kawasaki 1000 J. Cilindrata effettiva 998 cc. Potenza massima 103 Cv a 9.400 giri. Coppia massima 8.7 Kgm a 7.300 giri. Distribuzione bialbero in testa, due valvole per cilindro. Alimentazione con quattro carburatori Mikuni da 34 mm. Raffreddamento ad aria. Frizione a dischi multipli in bagno d'olio. Cambio a cinque rapporti.

Telaio: il telaio è costituito da quattro parti distinte. Una struttura principale superiore, una doppia culla inferiore, il bilanciere della sospensione posteriore e le piastre laterali di collegamento. I tubi sono in cromo molibdeno. Le piastre laterali, come la base dello sterzo e i supporti delle pedane, sono di avional lavorate dal pieno. La forcella è una Italia con steli da 40 mm. I foderi sono in alluminio. La sospensione posteriore è una Deflex, con ammortizzatore centrale De Carbon. Il forcellone è scatolato in lamiera di acciaio al cromo molibdeno. Le ruote sono entrambe da 16”, i cerchi sono in lega, accoppiati mediante uno speciale collante a rivetti. Il freno anteriore è un doppio disco Brembo serie Oro da 280 mm. Il posteriore è un disco Brembo da 280 mm. Il peso a secco 207 Kg.

Colorazione: colorazione doppia: la più diffusa è bianca con doppia fascia rossa trasversale sulla carena e longitudinale sul serbatoio e codone, con filetti neri. Meno diffusa, grigia con la stessa doppia fascia rossa, senza filetti. Parafango bianco o grigio e rosso.

Prestazioni: la KB3 è stata provata dalle riviste specializzate, senza rilevarne le prestazioni.

Produzione: la KB3 è stata prodotta per un totale di 112 esemplari, 32 completi e 80 kit. Gli esemplari con la colorazione bianca e rossa sono 96 (45 bianco e 51 bianco perlato). Gli esemplari di colorazione grigia e rossa sono 16.

Catalogo Ricambi

Come consultare il manuale.
Clicca sul bottone sottostante e si aprirà una nuova finestra con il manuale sfogliabile, in alto a destra le frecce permettono l'ingrandimento e poi è possibile spostarsi sul contenuto delle pagine muovendosi con il mouse.

SFOGLIA IL MANUALE